Assistenza Informatica & Sistemistica - Xion Informatica Milano
Assistenza Informatica & Sistemistica - Xion Informatica Milano
Martedì, 03 Giugno 2014 10:27

La stampante 3D multimateriale e multicolore

Gli oggetti stampati ora sono davvero identici al prodotto finito

Color-Multi-material-3D-PrinterLa stampante 3D multimateriale e multicoloreL'epoca in cui parlare di stampa 3D significava riferirsi a oggetti monocromatici e di un solo materiale plastico si avvia alla fine.

Il primo esemplare della nuova era è la stampante Objet500 Connex3 di Stratasys, in grado di utilizzare fino a 46 colori su un solo oggetto.

Per ottenere questo risultato mescola tre materiali di altrettanti colori, seguendo un principio analogo a quello delle stampanti ink-jet: VeroCyan (ciano), VeroMagenta (magenta) e VeroYellow (giallo).

Con questo sistema si possono creare oggetti sottili fino a 16 micron e grandi al massimo 49 x 39 x 20 cm, adoperando, come accennavamo, materiali rigidi, flessibili o elastici.

Le possibilità sono particolarmente interessanti per la generazione di prototipi: in poco tempo si può ottenere un oggetto che sarà il più simile possibile al prodotto finito.

Tali e tante possibilità, naturalmente, si pagano: il prezzo si aggira intorno ai 300.000 euro, riservando così la Objet500 Connex3 alle industrie.

 

Pubblicato in Tecnologia
Giovedì, 08 Maggio 2014 15:21

Alle origini della stampa 3D

L'ingegnere americano Charles "Chuck" Hull ha inventato la stereolitografia. Oggi il metodo di stampa genera un mercato da 2,2 miliardi di dollari

C'è chi la definisce una delle più grandi innovazioni nel settore manifatturiero a partire dalla rivoluzione industriale. E chi la battezza come la quinta rivoluzione industriale, quella che cambierà, e sta già cambiando, il modo di pensare le fabbriche e di farle funzionare. La stampa 3D è una pietra miliare di una nuova era dell'industria manifatturiera? Molti sono di questa idea, convinti dell'efficacia delle tecnologie che abilitano lo sviluppo e l'ingegnerizzazione dei prototipi in tempi molto rapidi. Charles "Chuck" Hull, 74enne ingegnere fisico americano che il prossimo 21 maggio entrerà a far parte della National Inventors Hall of Fame statunitense – al fianco di figure storiche quali Thomas Edison, Henry Ford e Steve Jobs – è colui che ha inventato, di fatto, la stampa 3D.

Pubblicato in Tecnologia

blade

 

In questa puntata della nostra rubrica dedicata alla Stampa 3D vi parliamo di Blade, una supercar ultraleggera e con un motore da 700 cavalli.

La protagonista della nostra rubrica settimanale dedicata alla stampa 3D si chiama Blade, ed è una supercar ultraleggera e molto potente. Progettata dalla startup statunitense Divergent Microfactories, Blade è la prima auto prodotta sfruttando innovative tecniche di stampa 3D.

Il telaio di questo bolide è infatti abbastanza unico. Al posto di crearlo come una singola unità l'azienda ha sviluppato una giuntura di alluminio stampata in 3D. I tubi in fibra di carbonio (anch'essi stampati in 3D) che compongono il telaio si collegano a queste giunture per formare una struttura resistente e leggera.

Divergent spiega che con questo metodo si può ridurre il peso del telaio fino al 90 percento in confronto alle auto tradizionali, anche se non bisogna dimenticare che probabilmente questo risultato è ottenuto anche grazie all'impiego di fibra di carbonio al posto di metallo o alluminio.

In totale il peso di Blade è di soli 635 chili, mentre il motore è da 700 cavalli e può funzionare sia a benzina sia a gas naturale compresso (CNG).

L'azienda ha intenzione di produrre una quantità limitata di questi veicoli per cominciare gli affari, ma la speranza è di concedere in franchising l'uso della sua tecnologiaad altri produttori. Per approfondire potete dare un'occhiata al sito web di Divergent Microfactories.

Pubblicato in News
Copyright © Xion Informatica S.n.c. - P. IVA 06455280963
Powered by Rubedo Marketing & Web Solution
Security by Ermeteus