Assistenza Informatica & Sistemistica - Xion Informatica Milano
Assistenza Informatica & Sistemistica - Xion Informatica Milano
Venerdì, 12 Febbraio 2016 10:40

Dispositivi mobile nuovo obiettivo dello spam e degli attacchi malware

Vota questo articolo
(0 Voti)

Dispositivi mobile nuovo obiettivo dello spam e degli attacchi malware

 

Secondo l’ultimo Security Bulletin di Kaspersky Lab, il volume delle email di spam nel 2015 è diminuito raggiungendo il 55,3% del totale del traffico email, con un calo dell’11,5% rispetto all’anno precedente.

La significativa diminuzione delle email di spam può essere attribuita alla crescente diffusione delle piattaforme pubblicitarie legittime sui social network, dei servizi di raccolta coupon, e così via.

Lo Spam Report di Kaspersky Lab ha inoltre identificato i seguenti trend del 2015:

  • Cambiamenti nelle posizioni della classifica dei principali Paesi obiettivo dello spam. La Germania è stata la maggiore vittima, con il 19% degli attacchi e una crescita del 9,8% rispetto al 2014, seguita dal Brasile (7,6%), che ha registrato una crescita del 4%, passando dalla sesta posizione del 2014 alla seconda. La Russia, che nel 2014 si era posizionata ottava, ha raggiunto il terzo posto con una crescita del 3%, rappresentando il 6% di tutti gli attacchi spam del 2015.
  • Più di tre quarti (79%) delle email inviate quest’anno pesavano meno di 2KB, facendo registrare un deciso calo nella dimensione delle email delle campagne spam degli ultimi anni.
  • Gli Stati Uniti sono ancora la principale fonte di spam (15,2%), seguiti da Russia (6,15%) e Vietnam (6,12%), che si è aggiudicato il terzo posto superando la Cina.
  • Gli utenti giapponesi hanno affrontato la più alta percentuale di attacchi di phishing, che ha raggiunto il 21,7%, con una crescita del 2,2% rispetto al 2014. Si è posizionato al secondo posto il Brasile (21,6%), precedentemente leader della classifica, con l’India in terza posizione (21%).
  • La Russia è stata colpita dal maggior numero di attacchi di phishing: il 17,8% del totale globale.
  • Le istituzioni finanziarie, come banche, sistemi di pagamento e negozi online, sono stati i principali obiettivi delle email di phishing (34,3%, con una crescita del 5,6%).

Principali argomenti dello spam dell’anno

Nonostante le Olimpiadi in Brasile non siano ancora iniziate, i truffatori hanno già cominciato a sfruttare l’evento, inviando email che annunciavano false vittorie alla lotteria e che chiedevano al destinatario di compilare un modulo con i propri dati personali. In questi attacchi, le email con allegati pdf, immagini e altri elementi grafici erano state progettate per ingannare i filtri anti-spam.

Le cosiddette frodi “nigeriane” hanno sfruttato la situazione politica ucraina, la guerra civile siriana, le elezioni in Nigeria e il terremoto in Nepal per far leva sulla bontà e l’empatia dei destinatari con testi delle email credibili, che richiedevano supporto per una persona in difficoltà.

Lo spam diventa mobile

Nel 2015 i cybercriminali hanno continuato a inviare false email da dispositivi mobile e notifiche da app contenenti malware o messaggi pubblicitari. Le nuove tattiche vedono i truffatori diffondere i malware in forma di file .apk (file per Android) e .jar (archivi ZIP contenenti un programma Java). Inoltre, i cybercriminali hanno mascherato un Trojan criptatore per mobile come file contenente aggiornamenti per Flash Player. Una volta avviato, il malware criptava immagini, documenti e file video archiviati sul dispositivo e inviava all’utente un messaggio con la richiesta di pagamento di un riscatto per decriptare i file.

“Il crescente uso dei dispositivi mobile nelle nostre vite quotidiane per scambiare messaggi e dati, oltre che per accedere e controllare i conti bancari, ha portato a una crescita anche delle opportunità di sfruttamento da parte dei cybercriminali. Il malware mobile e lo spam sono sempre più popolari e gli sforzi per ingannare le vittime stanno diventando più sofisticati di anno in anno, con la comparsa di app che possono essere usate dai cybercriminali sia direttamente (per l’invio di spam, incluso quello nocivo), sia indirettamente (tramite email di phishing). Gli utenti dei dispositivi mobile devono quindi stare in guardia, in quanto le attività cybercriminali in questo campo possono solo aumentare, insieme alla nostra dipendenza dai dispositivi”, avverte Morten Lehn, Managing Director di Kasperksy Lab Italia.

Copyright

Letto 2057 volte
Copyright © Xion Informatica S.n.c. - P. IVA 06455280963
Powered by Rubedo Marketing & Web Solution
Security by Ermeteus