Assistenza Informatica & Sistemistica - Xion Informatica Milano
Assistenza Informatica & Sistemistica - Xion Informatica Milano
Lunedì, 23 Luglio 2018 14:43

DAZN, una scossa per la banda larga in Italia?

Vota questo articolo
(0 Voti)

DAZN, una scossa per la banda larga in Italia?

 

L'arrivo di DAZN sul mercato dei diritti tv del calcio italiano potrebbe avere un impatto importantissimo sullo scenario della banda larga nazionale. E non solo. In questa circostanza convergono infatti una serie di snodi strategici che creano uno scenario già visto sulle vicende legate alle polemiche su Audiweb: tv e rete entrano in diretta competizione per occupare il salotto di casa, i favori degli utenti ed i pacchetti pubblicitari correlati. e quando i capitali entrano in gioco, ecco che iniziano a diventare molti i tasselli che potranno essere toccati da questa inevitabile rivoluzione.

Cosa è DAZN

DAZN (leggasi “da zone”) è un nuovo servizio firmato Perform che per la stagione 2018/19 offrirà tutta una serie di contenuti in esclusiva legati al mondo del pallone . L’accesso è online (streaming e on-demand) con la formula dell’abbonamento al prezzo di 9,99 euro al mese . Inevitabilmente è subito ribattezzato come il Netflix dello sport, perché il modello proposto è esattamente quello del servizio che in Italia offre da tempo contenuti cinematografici.

La forza di DAZN è nel fatto che fin dall’esordio gode di 3 partite in esclusiva della serie A di calcio per ogni singola giornata , oltre all’intera programmazione della Serie B. Gli abbonati Sky, insomma, perdono una parte importante del proprio pacchetto Calcio; gli abbonati Mediaset Premium, invece, per logiche di evidente natura concorrenziale, potranno vedere tutte le partite della propria squadra del cuore grazie ad un accordo di partnership siglato con DAZN.

Il calcio come leva

Per accedere ai contenuti DAZN (streaming live in alta definizione) occorrerà avere a disposizione una connessione a banda larga sufficientemente performante . La rete, inoltre, dovrà essere in grado di sostenere l’aumento del traffico facilmente prevedibile. Se è vero che solo nell’ultimo anno il mondo del video on-demand ha portato ad una crescita del 30% del traffico in rete, l’arrivo di DAZN potrebbe fare ulteriormente deflagrare la domanda.

Ed è questo il punto che potrebbe far invertire la tendenza che ha fin qui bloccato il paese sulla questione per cui non vi fosse sufficiente domanda di banda per rendere conveniente ai grandi operatori l’investimento sull’innovazione delle infrastrutture di rete. Che fosse una motivazione vera o meno, credibile o meno, farlocca o meno, la motivazione viene comunque a decadere: a partire dal campionato 2018/19, e con tendenza inevitabilmente crescente, aumenterà la domanda di banda da parte degli appassionati di calcio di tutta Italia.

L’aumento della fruizione video ha già portato gli operatori mobile ad ampliare il numero di GB compresi negli abbonamenti, poiché questo parametro è destinato a fare la differenza; l’aumento della fruizione video presso le abitazioni e le reti Wifi domestiche determinerà invece un aumento della necessità di banda largain un paese dove la capillarità è sempre maggiore, ma dove la capacità è estremamente carente su gran parte del territorio.

L’arrivo di DAZN ha immediatamente aumentato la fibrillazione nel mondo dei diritti tv e negli equilibri concorrenziali tra le piattaforme interessate; l’esordio, ormai prossimo, della piattaforma è destinato a dare il via anche ad altre dinamiche di fondamentale impatto. La banda larga potrebbe essere uno dei settori maggiormente sotto stress e l’aumento della domanda potrà finalmente portare quell’aumento di offerta che decenni di malapolitica (e scarso interesse da parte degli operatori) non sono mai riusciti a determinare.

Copyright

Letto 930 volte
Copyright © Xion Informatica S.n.c. - P. IVA 06455280963
Powered by Rubedo Marketing & Web Solution
Security by Ermeteus