Assistenza Informatica & Sistemistica - Xion Informatica Milano
Assistenza Informatica & Sistemistica - Xion Informatica Milano
Martedì, 14 Aprile 2020 10:56

Come funziona il fenomeno criminale sextortion

Sextortion, anatomia di un ricatto

I ricercatori di Sophos hanno analizzato il fenomeno. Una dinamica impiegata dai cybercriminali per ottenere in modo rapido denaro, spesso con l’obiettivo di finanziare altre attività illecite. Lo hanno fatto anzitutto rintracciando l’origine di milioni di email riconducibili a campagne di spam inviate tra settembre 2019 e febbraio 2020, per poi esaminare come sono state utilizzate le somme versate (spesso sotto forma di Bitcoin) da chi ci è cascato, grazie alla collaborazione con CipherTrace. Questo il commento di Tamás Kocsír, Security Researcher di SophosLabs.

Le truffe di sextortion fanno leva sulle paure degli utenti e questo le rende un modo efficace per fare soldi in fretta. La nostra ricerca è durata cinque mesi, durante i quali abbiamo rilevato diverse ondate di attacchi, spesso concentrati nei fine settimana, che spesso rappresentavano fino a un quinto di tutto lo spam rintracciato dai SophosLabs. E anche se la maggior parte dei destinatari non ha aperto l’email o non ha pagato, molti di loro hanno inviato denaro agli aggressori, consentendo loro di guadagnare circa 50,9 bitcoin, equivalenti a quasi 500.000 dollari.

Fino a 800 dollari per ogni truffa

L’entità di ogni singolo ricatto può arrivare fino a 800 dollari, ovviamente da versare in criptovalute così che la transazione non sia tracciabile. Prosegue Kocsír.

… alcune delle email erano caratterizzate da tecniche di offuscamento innovative progettate per bypassare i filtri anti-spam. Alcuni esempi analizzati includevano l’interruzione di alcune parole con linee casuali invisibili, l’inserimento di blocchi di testo spazzatura in bianco o l’aggiunta di parole in alfabeto cirillico per confondere i sistemi preposti alla scansione.

Sophos e CipherTrace hanno individuato che una parte del denaro estorto è stata impiegata per altri tipo di attività non legali: dalla compravendita non consentita di prodotti sul Dark Web all’acquisto delle carte di credito rubate. La somma rimanente è di solito spostata in breve tempo attraverso diversi portafogli provvisori al fine di riciclarla e convertirla in contanti.

Le truffe legate al sextortion sono attuate sfruttando botnet globali. Nella poco invidiabile Top 10 dei paesi più colpiti c’è anche il nostro: Vietnam, Brasile, Argentina, Corea del Sud, India, Italia, Messico, Polonia, Colombia e Perù. L’81% distribuiti è scritto in inglese, il 10% in italiano, il 4% in tedesco, il 3,5% in francese e l’1,2% in cinese.

Copyright

Letto 335 volte
Copyright © Xion Informatica S.n.c. - P. IVA 06455280963
Powered by Rubedo Marketing & Web Solution
Security by Ermeteus